IL CORTILE DI SAN MICHELE GUARENE (CN)

La magia di dormire in un castello e assaporare il migliore vino..

Ubicato nel centro storico del medievale borgo di Guarene, nel Roero, il Cortile di San Michele sorge dal recupero di due stabili del 1794, un tempo abitati da famiglie dell’alta borghesia locale. Un luogo sospeso nel tempo, immerso in un’atmosfera appartata e armoniosa, il cui centro è costituito dall’ampia e solare corte su cui si affacciano tutti locali, sovrastati dalle nobili forme del dal settecentesco Castello e dalla torre campanaria della chiesa di San Michele, che dà nome alla struttura.

Finemente restaurato, il Cortile di San Michele è l’atto d’amore che la famiglia Manera ha voluto restituire al suo territorio d’origine. Un B&B di charme, gestito in maniera calda e famigliare, in cui ogni dettaglio è studiato per accogliere gli ospiti all’interno di un ambiente moderno e affascinante.

Il restauro della struttura, sotto la supervisione dell’architetto Ugo Costantino, è avvenuto nel pieno rispetto del contesto storico e urbanistico. Sono stati usati i materiali della tradizione: il mattone in cotto, il gesso, il ferro battuto, il legno e gli arredi d’epoca. Il fascino dell’antica dimora si integra con scelte contemporanee: rivestimenti high-tech in resina per i bagni, carte da parati “materiche” selezionate per ciascun ambiente, locali ampi e razionali, immersi nella luce proveniente dalla corte centrale.

I settecenteschi stabili che formano il Cortile di San Michele svelano la loro tipicità nella tecnica costruttiva dei soffitti, in gesso stampato e decorato. Un unicum nel panorama architettonico piemontese, che, proprio nel Roero, trova la sua espressione più particolare. Le vicine cave di gesso, infatti, fornivano un plastico materiale edilizio che veniva utilizzato per i soffitti. Ciascuna abitazione possedeva il suo motivo e il Cortile di San Michele non fa eccezione: tra le travi di legno, ogni stanza presenta la sua decorazione, che culmina nei bassorilievi della suite al secondo piano, le cui formelle presentano il simbolo di San Bernardino circondato da stemmi araldici e decori naturalistici.

Gli spazi comuni del Cortile di San Michele sono stati progettati con la stessa cura riservata agli ambienti delle camere. Luoghi “immersivi” ed esclusivi, curati in ogni dettaglio, che svelano il piacere di concedersi un momento di relax e di calore famigliare, prima di immergersi nel vibrante mondo delle colline di Langhe e Roero.

WINE TOUR

Langhe e Roero

1° TOUR pm: panoramica attraverso le colline del Barolo, con soste*** lungo il percorso. Colline, difficili e faticose da lavorare, offrono un Patrimonio Mondiale UNESCO, dove l’uomo con le sue mani ha da sempre “disegnato” questo paesaggio fatto di stupendi vigneti, di borghi e dei loro castelli arroccati sulle cime dei bricchi.

Visita presso una cantina del Barolo con degustazione.

*** Esempi soste: Grinzane Cavour, Serralunga d’Alba, Monforte d’Alba, Barolo, La Morra

2° TOUR am: visita di Alba con le sue torri, la sua Cattedrale dedicata a San Lorenzo, la chiesa della Maddalena (se fosse di sabato mattina ricordo che si svolge il mercato, dove scoprire molti prodotti tipici delle Langhe). In tarda mattinata visita ad una cantina di produttori di Barbaresco con degustazione di vini di loro produzione accompagnati da salumi e formaggi locali.

Nel pomeriggio panoramica attraverso le colline del Barbaresco con visita di Neive, uno dei “Borghi più belli d’Italia”

Rientro in hotel

3° TOUR  am: visita di Pollenzo, antica Pollentia romana. Il re Carlo Alberto di Savoia demandò la riplasmazione dell’intera Pollenzo ad artisti di grande professionalità, che collaborarono per creare quella immagine medievaleggiante del borgo cara al sovrano, con la sua piazza con fontana e la chiesa di San Vittore goticheggianti, la cascina Albertina, il castello e, fondamentalmente, l’Agenzia oggi sede dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, primo ateneo al mondo interamente dedicato alla cultura del cibo, e di un albergo 4 stelle. Visiteremo la Banca del Vino situata nelle ottocentesche cantine dell’Agenzia, dove è nato l’attuale metodo di vinificazione dei grandi rossi piemontesi, dove oltre 300 produttori italiani hanno depositato parte dei loro migliori vini (possibilità di degustazioni).

Pranzo in un’osteria o in un ristorante del territorio.

Nel pomeriggio visita di Cherasco: Palazzo Salmatoris, l’antica torre civica, i portici, la chiesa di San Pietro. Si potranno gustare i famosi “Baci di Cherasco”, dolce tipico della città. Cherasco è una cittadina che si scopre passeggiando osservando le facciate, i colori delle case del centro e i giardini. Infine una passeggiata sui bastioni ci regalerà bei panorami sul territorio circostante.

Rientro in hotel

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “IL CORTILE DI SAN MICHELE GUARENE (CN)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.